Bèive

Sambajon

La nascita di questa bevanda libidinosa viene fatta risalire per tradizione alla seconda metà del 1500, quando fra’ Pasquale de Baylon iniziò a consigliare alle penitenti che lamentavano scarsa vigoria del consorte la propria infallibile ricetta:

1 tuorlo, 2 cucchiaini di zucchero, 2 gusci di marsala, 1 guscio di acqua

Morto nel 1592, fra’ de Baylon fu santificato nel 1680 da Papa Alessandro VIII , e divenne tra le donne torinesi una specie di leggenda, tanto che le pie donne tra di loro si scambiavano e consigliavano la sua ricetta per beneficiare del “miracolo” del Santo Pasquale de Baylon. Il suo nome, in dialetto torinese, divenne San Bajon, e di qui al nome italianizzato della bevanda il passo è breve. Dal 1722 San Baylon è considerato protettore dei cuochi del mondo; la sua festa ricorre  il 17 maggio e viene venerato nella chiesa di San Tommaso in via Pietro Micca a Torino.

Io personalmente amo poco la presenza dell’acqua, e utilizzo delle proporzioni differenti rispetto a quelle originarie, il risultato è comunque degno di nota, non so quanto miracoloso, ma sicuramente notevole al palato!

C’è che lo usa come crema da farcitura, unendolo ad altri ingredienti, come una crema pasticcera di base o panna montata.

Io lo preferisco come bevanda invernale, in purezza, da accompagnare con un savoiardo, o un bacio di dama o, in questo periodo, una fetta sottile di pandoro.

Zabajone

Per ogni tuorlo:

1 cucchiaio colmo di zucchero,

1 cucchiaio di Marsala, sostituibile con altro vino liquoroso, o con un Moscato fermo, o con un Malvasia

Montare il tuorlo con lo zucchero in una bastardella o altro pentolino adatto al bagnomaria, unirvi il Marsala, e continuare a mescolare con un cucchiaio di legno cuocendo lentamente a bagnomaria finché non sarà gonfio e spumoso. L’importante è che l’acqua non raggiunga mai il bollore, perché si rischia che l’uovo coaguli, ci va qualche minuto in più, ma ne vale la pena!

La masca vi consiglia anche:

rotolo al caffè

cicolata ën tassa

Annunci

9 thoughts on “Sambajon

  1. Eccolo!!!!!!!!!!
    Non vedevo l’ora di potermi connettere, ero curiosissima!!
    Brava!
    E in bocca al lupo, e non fare caso ai criticoni e agli invidiosi!! 😉

    Adesso mi toccherà provare qualcuna di queste delizie.
    Per lo zabajone ho già le tue istruzioni, ma ho anche già adocchiato quel dolce di Natale allo zafferano: sarò mai all’altezza? aiuto!
    un bacio!!
    Annalisa

    1. Sei tra le persone che hanno incoraggiato questo progetto e sopportato pure la sottoscritta alle prese con WordPress!
      in cambio hai un buono assaggio per la bavarese! 😉
      Ben tornata… visto che in Piemonte abbiamo le temperature friulane?

  2. Mi piace molto il suo sito e volevo farle i complimenti. Finalmente un po’ di piemontese! Ma per mettere lo zabaglione in mezzo ad una torta c’è un modo per farlo venire più denso? Farina? Mi viene sempre troppo liquido! Grazie

  3. grazie ylenia, a dire il vero lo zabajone ha una consistenza spumosa tipica e in effetti per farcire non va bene. L’unica è fare una crema pasticcera al marsala, partendo dalla ricetta abituale e adattando la densità alle proprie esigenze 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...