Mangé

Niné parèj d’un ània..

anatrawater“camminare ancheggiando”…  in effetti si dice spesso che una cammina come una papera 😀

che poi niné letteralmente significa cullare, ma ci sta proprio bene…. avete mai visto un’anatra camminare? Son più eleganti quando nuotano, decisamente!

Come mai mi sono venute in mente le anatre?

Semplice, ho ritrovato una ricetta che mi era piaciuta particolarmente, di quelle che non si studiano a tavolino, ma si creano così, seguendo i profumi…

Petto d’anatra agrodolce

un petto d’anatra
un peperone rosso
un peperone giallo
due piccoli scalogni
4-5 cucchiai di aceto balsamico
2 cucchiai di concentrato di pomodoro
quattro cucchiai di miele millefiori
sale pepe verde macinato al momento
olio
due o tre cucchiai di Marsala

Incidete il petto d’anatra con tagli diagonali, e arrostitelo per 15 minuti in una padella antiaderente con un filo di olio e due cucchiai di miele, aggiungendo se serve un po’ di vino marsala

Nel frattempo tagliate a tocchetti gli scalogni e i peperoni e fateli stufare in un’altra padella per un buon quarto d’ora. Bagnate  con l’aceto balsamico, e aggiungete il concentrato di pomodoro e il restante miele. Portate a cottura aggiungendo, se serve, qualche cucchiaio di acqua. Quando i peperoni sono quasi cotti, adagiate nella stessa pentola il petto d’anatra e terminate la cottura di quest’ultimo. Affettate il petto d’anatra, servite insieme ai peperoni con una macinata di pepe verde.

Annunci

One thought on “Niné parèj d’un ània..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...