Mangé · Tradission · Vegetariano

Sté an ghërsa e fé ij ghërsin

“sté an ghërsa” significa stare in fila, è un modo di dire non molto usato oggi, ma rende bene l’idea soprattutto quando si guardano i ghërsin mentre cuociono tutti in fila!

Oggi è una bella giornata primaverile e avevo voglia di leggerezza, e mentre lei guardava il cielo blu

ho impastato i

Grissini di riso

150 g di farina di riso

200 g di farina manitoba

12 g di lievito di birra

un cucchiaino da caffè raso di zucchero

un cucchiaio di olio di oliva EV

mezzo cucchiaino da caffè di sale

sale rosa dell’Himalaya

acqua q.b.

impastate tutti gli ingredienti tranne il sale rosa, utilizzando tanta acqua quanta ne basta per avere un impasto morbido e liscio. Fate lievitare per un’ora, poi formate i grissini, rotolateli nel sale rosa macinato fine e lasciateli lievitare ancora mezz’ora prima di infornarli a 200 °C. Cuoceteli per 20 minuti.

Annunci

4 thoughts on “Sté an ghërsa e fé ij ghërsin

    1. ci credi che me li sto sgranocchiando col rischio che per domani che ho gente devo rifarne un po’? ^-^
      il micione o meglio la miciona ora che può starsene sul terrazzo al sole ronfa ancora più di prima, beata lei!

    1. sì, sono friabili, la farina di riso è particolare, difficile da gestire da sola, rende molto bene nei dolci e panificati che richiedono questa caratteristica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...