Mangé · Tradission · Vegetariano

Risotto ai luvertin

Con i luvertin, ovvero i germogli di luppolo selvatico, si possono cucinare diverse ricette, ma il risotto è indubbiamente quella classica, seguita a ruota dalla frittata.

Insomma, come direbbe qualcuno, il risotto è la morte sua. Semplice, senza aggiunte strane di altri ingredienti, così come si fa per il risotto agli asparagi, d’altra parte, mantenendone il sapore delicato.

Per il resto, si commenta da sé!

Risotto ai luvertin

per 4 persone

320 g di riso carnaroli

un grosso mazzo di luvertin

una piccola cipolla bionda

mezzo bicchiere di vino bianco secco

brodo

formaggio parmigiano grattugiato e in scaglie

burro

tritate la cipolla e fatela imbiondire in un filo di burro

aggiungete i luvertin spezzettati, mescolate bene, aggiungete il riso e fatelo tostare brevemente. Bagnate con il vino bianco, lasciate evaporare e portare poi a cottura aggiungendo man mano del brodo (meglio se vegetale)

Spegnete il fuoco, mantecate con due cucchiai di parmigiano grattugiato e una noce di burro, servite nelle fondine guarnendo con qualche luvertin crudo e qualche scaglia di parmigiano.

Annunci

9 thoughts on “Risotto ai luvertin

  1. caspita ma continuo a trovare ricette con il luppolo selvatico e non ho mica presente di averlo visto in giro, devo cercarlo!!mi ispira troppo questo risottino!

    1. noi andiamo a raccoglierlo vicino a un lago e a un rio, si trova essenzialmente vicino all’acqua, in mezzo ad altri rovi o comunque dove può arrampicarsi 🙂 Nei mercati se cerchi i banchi dei contadini a volte tra le “erbette” assortite hanno anche dei mazzetti, solo che non sai se li han presi distanti dalle strade o lungo i fossati della tangenziale…. :-/

  2. Delizioso il risotto… è un peccato ste delizie della primavera durino così poco!….anche se è un bel motivo per attendere ogni anno una nuova stagione1

  3. Attenzione! Prossimamente su questi schermi, una nuova ricetta a base di luvertin!
    La sta partorendo il sottoscritto, pur tra i dubbi preventivi della “cusinera” titolare…

  4. PESTO AI LUVERTIN

    Per il pesto:
    – luvertin freschissimi
    – gherigli di noce
    – parmigiano reggiano (se possibile stagionato 24 mesi)
    – olio EVO (io ho usato quello prodotto a Chieri da un nostro amico)

    Tritare nel mortaio tutti gli ingredienti, fino a ottenere una crema uniforme. Far cuocere la pasta (del formato preferito) in abbondante acqua salata, e scolarla al dente.

    Condire col pesto, rimestare bene, assaggiare la prima forchettata e poi…

    …buttare via il resto. Perché fa veramente SCHIFO!
    (e dire che ero stato preavvertito…)

    Morale: se in tutte le ricette i luvertin vengono cotti, un motivo ci sarà…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...