Galuparìe

Anto’, fa caldo…

e quando uno si pensa furbo cosa fa? accende il forno al mattino presto…che poi tanto presto  non era, perché erano le 8, ma facciamo finta che… per essere sabato, poi. E così ho acceso il forno, per arrostire dei peperoni.

Ma non vi parlo dei peperoni, stavolta. Avevo un mezzo cubo di lievito che attendeva paziente… avevo della farina di kamut che attendeva paziente. Avevo anche della ricotta, e delle pesche, e… e mi son detta: di già che schiattiamo dal caldo, che ne valga la pena, no?

La prossima volta, sveglia alle 5, magari soffriamo un po’ meno ^_^

Metto un nome di fantasia. Terribile, ma do la colpa al caldo, cosa che a dicembre mica potrei fare, eh? 😀

Dischi volanti di kamut farciti alle pesche (brioches, sono brioches!)


Per la pasta

150 g di farina di kamut

100 g di farina manitoba

12 g di lievito di birra

un uovo

mezzo bicchiere di latte

80 g di yogurt greco

90 g di zucchero

un pizzico di sale

Per la farcitura:

80 g di ricotta

un tuorlo

30 g di zucchero

mezza pesca tagliata a cubetti

3-4 gocce di essenza di vaniglia

Sciogliete il lievito nel latte  e impastate tutti gli ingredienti, aggiungendo se serve qualche cucchiaiata di acqua. Formate una palla e lasciate lievitare un’ora circa. Stendete la pasta allo spessore di 1 cm abbondante, ritagliate dei dischi di circa 7-8 cm di diametro e lasciate lievitare ancora mezzora. Con l’aiuto di una tazzina da caffè schiacciate l’interno di ogni disco in modo da ricavare una piccola conca. Lavorate la ricotta con lo zucchero, la vaniglia, il tuorlo e mescolatela con i dadini di pesca. Mettete un cucchiaio di questo composto all’interno di ogni disco. Spennellate il tutto con un po’ di latte e infornate a 180° per 25 minuti circa.

la masca vi consiglia anche:

ananas “pie” meringato

sgonfiotti di farro alla nutella

gnocchetti di kamut alle ortiche con fonduta di caprino bleu

frollini di riso, kamut e avena

Annunci

7 thoughts on “Anto’, fa caldo…

  1. Caldo o non caldo io accendo il forno anche d’estate…magari creo un pò di corrente…ma anche a 40° vale la pena di accenderlo per preparare queste brioches!!!
    Baci e buona domenica!

    1. Grazie Lucia, e benvenuta!!! (ho iniziato a sbirciare sul tuo e ho già visto due cose molto interessanti!!
      Allora, la traduzione: letteralmente : che si riempia i pantaloni
      In pratica l’augurio è di una dissenteria epocale… 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...