Galuparìe

La mare e la fija a pòrto sempe la stessa camisa

La madre e la figlia portano sempre la stessa camicia….cioè si assomigliano!^_^

Ogni tanto riusciamo anche davvero a scambiarci qualche indumento, ma difficilmente le camicie, perché io ormai sono andata “oltre” con la taglia e i tempi in cui avrei potuto infilarmi le sue son passati da un pezzo!

Dicono che mi somigli molto, ma non mi son mai resa molto conto di quanto potesse somigliarmi anche in cucina, probabilmente perché, rispetto a quando era piccina e si pasticciava insieme per fare biscotti, negli ultimi anni il tempo che ha a disposizione per cucinare è davvero poco per non dire nullo.

Eppure sabato, uno dei rari sabati in cui non danzava, si è data alla pazza gioia ai fornelli, per farmi una sorpresa mentre io andavo a Torino a ritirarmi una risonanza… telepatia, la chiamano, e con lei mi capita spesso, sarà il nostro legame che è un po’ da masche…chissà… mentre uscivo dallo studio medico col referto in mano pensavo fiuuuuuuuu, poteva andare peggio, quasi quasi passo a prendere un dolcino per festeggiare, qualcosa che possa mangiare anche lei senza burro e senza latte… Più o meno in contemporanea qualcuno, a casa, digitava su google “biscotti senza burro e senza latte“…

Appena entrata in casa ho annusato l’aria, un profumo incredibile… Enrico mi fa subito segno di far finta di nulla e annuncia: metto su un tè!

Sbircio, e la intravvedo seduta davanti al forno con il libro di filosofia sulle ginocchia… mi spiega dopo: li tenevo d’occhio, perché già così si sono allargati, chissà cosa potevan combinare!…

E poi mi spiega: ho preso una ricetta, non ricordo dove, e poi ho cambiato questo quello quell’altro e poi ci ho aggiunto…… e la ricetta di origine? eh…. completamente stravolta, immagino.

Ecco perché portiamo la stessa camicia….:-D

Sgorbiotti di Gaia all’arancia (detti anche bleacchini per il loro aspetto…che poi, bleah… mah! erano splendidi, core de mamma!!! ^^)

2/3 di un bicchiere di zucchero (circa 150 g)

1 bicchiere e mezzo di farina (non l’ha più pesato…)

2 cucchiai di olio di semi

una tazzina da caffè di succo di arancia

1 cucchiaio abbondante di marmellata di arancia con scorzette

1 uovo

un cucchiaino di lievito per dolci

mescolare tutti gli ingredienti nell’ordine, aggiungendo un po’ di farina perché, dice, l’impasto era mollissimo e non dà possibilità di fare altre forme…

poi, testuale” a cucchiaiate lo sbatti sulla teglia ” (piccola dolce…!!! ahahah ) @_@… e cuoci circa venti minuti a 180° C… “in realtà guardi tu a occhio” (ve l’ho detto che mi somiglia! ^^) evitando che brucino sotto…

Fatta la foto appena in tempo prima che sparissero tutti con il tè… ah… ne vengono 17 (dovevan portare fortuna, no?) di diametro 7-8 cm

Annunci

23 thoughts on “La mare e la fija a pòrto sempe la stessa camisa

  1. Sicuramente non sono al tuo livello, ma una brava cuoca è sufficiente (e comunque trovare la cucina libera…moolto complicato! :P)

    Ultimamente mi rendo conto che preparare qualcosa con le proprie mani mette di buon umore. Se non va tutto come previsto si ritenta, ma se si riesce e gli altri apprezzano anche… *w*

    1. Ehilà benvenuta patata! oh ma che bella faccina somigliante!
      Sì aver le mani in pasta è terapeutico, sbafarsi quel che viene, ancor di più! ma che te lo dico a fare? 😀

  2. Profumatissimi biscotti son questi! Simili a quelli che preparava mia madre e che io adoravo… devo fare come tua figlia: prepararli io per la mia mamma!

    Un bacione Norma 🙂

    1. …che se avesse chiesto a me, ci avrei messo mano anche io. Invece ha voluto fare tutto da sola…

  3. Norma ti devo chiedere un favore…
    Cercavo sul web la ricetta della focaccia di Chieri (visto che la mia non la trovo più) perchè qua tra noi creative ogni tanto ci scambiamo qualche ricetta locale e ho visto che tu ce l’hai posso pubblicare la tua o se me ne vuoi dare una…
    Scusa il disturbo
    Buona giornata
    Mari

  4. davvero una splendida telepatia…. il legame del cuore ci tiene così strette ai nostri figli che a volte ci capita di sapere quello che hanno nel cuore ancora prima che lo comunichino… e lo stesso penso valga per loro, ci studiano e ci conoscono e da grandi forse si vorrebbe assomigliare almeno un pochino a quella grande donna che è la tua mamma almeno per me è così…. complimenti questa volta alla ragazza! questi biscotti devono essere buonissimi! baci Ely

  5. per fortuna quel detto vale anche casa mia con le mie figlie (e quindi per fortuna non assomigliano al padre..soprattutto il carattere)

    i biscotti sono ottimi!!!
    ciaooooooooooo

  6. Che bello! che tenerezza!!! …ritrovar se stessi nei figli credo sia qualcosa che riempie il cuore oltre come non mai!…io posso solo immaginarlo…ma spero un giorno… 🙂
    brava Gaia, i suoi biscotti son stupendi!

  7. che tenera! le figlie che cucinano per le mamme, lo devo dire, sono favolose…! tanto piu’ se devono studiare filosofia e cucinano lo stesso! w le figlie e w la mamme (un po’ di piu’…)

    un abbraccio (da una figlia!)

  8. Ma sono bellissimi, altro che bleacchini!!!
    Una ricetta originalissima, non ho mai fatto dei biscotti con l’olio, mi incuriosiscono molto…leggeri e aromatici! Segno, segno… ;D

  9. Si direi che siamo vicine visto il tipo di ricette che posti…io sono appunto di chieri e la ricetta l’avevo avuta da una mia amica che lavorava in una panetteria pasticceria ma a forza di prestarla in giro non me la trovo più…
    Grazie comunque

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...