Fé baldoria · Mangé · Tradission

Pasqua, Pasquetta, 25 aprile e fiori…

Eccoci di ritorno da una full immersion nella natura… come faceva notare mio marito, capita di rado di riuscire a godersi la casa in montagna senza il pensiero di erba da tagliare e lavoretti assortiti… però ogni tanto capita, e dunque a grande richiesta continuiamo il report iniziato qui.

Intanto col fatto che ieri incidentalmente era il giorno di Pasquetta, molti si sono scordati che il 25 aprile dovrebbe essere giornata di meditazione per ben altri motivi… possiamo ricordacelo anche un giorno dopo, eh? ^^

Le previsioni meteo non erano favorevoli, pareva che qualcuno avesse gufato su questi giorni di festa, ma noi ce ne siamo allegramente fregati e siamo partiti lo stesso… diciamo che avere la casa riscaldata per la prima giornata ha aiutato, eh? la neve era bassina, alla vigilia di Pasqua…@_@

però anche la pioggia ha il suo fascino, quando si ha la pazienza di coglierne gli effetti sulla natura

un po’ di vento fresco e via… la mattina di Pasqua abbiamo acceso il fuoco…

come? la grigliata si fa a Pasquetta? ma noi siamo fantasiosi…^^ e vi dirò di più… niente menù niente portate ordinate… vi propongo un mix di tre giorni di festa in mezzo alla natura… giusto qualche spunto per la prossima Pasqua!

Come vi dicevo, abbiamo acceso il fuoco..

i mughetti che si preparavano a fiorire, ora son fioriti

focaccine di Giuseppe in versione Pasquale (a forma-vagamente-di uovo e intagliate pazientemente da mia figlia 😀 )

le immancabili uova ripiene: tuorlo, tonno, prezzemolo, capperi, un nulla di maionese e sale q.b. il tutto schiacciato a forchetta..

e immancabili, sulla griglia, i piemontesini fondenti su pane abbrustolitocarciofi alla pizzaiola, spadellati con aglio, pomodoro, basilico, un po’ di paprika forte e qualche scaglia di parmigiano

costate di vitello e cotolette di agnello.. (mancano foto di salsicce e fesa di pollo e tacchino…)

e costine di agnello… una parte della ” corona” cotta interamente e mangiata così, l’altra parte…

…finisce di cuocere in rosso… soffritto, pomodoro, un pizzico di cannella e uno di noce moscata

e già che siamo in tema di primi… un risotto asparagi e castelmagno…

primi come le prime cavallettine sulle foglie nuove delle rose… si è rifugiata lì…era lunga, antenne escluse, 4 millimetri… ^^

ma torniamo al cibo… frittata rognosa... insalata fiorita… e… la classica fragolata…. e le colombe, e le uova di cioccolata…

per i mirtilli, invece, dovremo aspettare un po’…

però, son fioriti, e quindi abbiamo buone speranze 🙂

nel frattempo, ci godiamo quest’infilata di iris lungo la cancellata, sulla via  principale della frazione…

e con i lillà raccolti la volta scorsa?

ve lo racconto domani….devo ricominciare a lavorare! 🙂

Annunci

3 thoughts on “Pasqua, Pasquetta, 25 aprile e fiori…

  1. cara Norma so già che fra qualche mese desidererò il ritorno delle temperature più freschine, la calura estiva non fa per me e mi farà piacere ricordare queste belle foto che hanno creato una magica atmosfera….Aspetto la continuazione, magari se potessi avere uno di quei tomini con un buon calice di rosso piemontese sarebbe meglio…Un abbraccio, a presto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...