Fé baldoria · Mangé · Merenda sinòira · Tradission

Natale, prove generali

Mi astengo dal commentare gli alberi di Natale già montati da una settimana in ognidove, quando la tradizione li vorrebbe “messi su” l’8 dicembre…

mi astengo dal commentare la ressa che già lo scorso sabato animava i supermercati, tra panettoni giocattoli fiocchi presepi e spumanti… e c’era pure abbondanza di ostriche e scampi al banco pesce, manco uno li cucinasse ora per capodanno… Che poi sia il solito bieco tentativo di farci dimenticare la crisi… no comment!

insomma se di solito si parla di “nausea” post feste natalizie, quest’anno l’effetto è garantito in anticipo: con un mese, di anticipo.

Però visto che non ci si può astenere dai festeggiamenti natalizi, e visto che nonostante si cominci a parlarne presto, ho sempre poco tempo a disposizione,  quando cucino cerco di fare almeno delle prove, in modo da risolvere poi velocemente un menù già collaudato, a prova di parenti!

Brasato al ginepro

 

per 6-8 persone

un taglio di manzo da brasato: qui il pezzo che si chiama “della vena” da 1,2 kg oppure girello

due piccole cipolle

burro

olio

acqua

farina

alloro

due limoni

bacche di ginepro

vino rosso (Dolcetto)

brodo qb

Tritate la cipolla e fatela dorare in una arrostiera con una grossa noce di burro e quattro cucchiai di olio. Aggiungete la carne e fatela rosolare da tutti i lati. Bagnate con un bicchiere di vino rosso, salate, pepate e cuocete a fuoco basso per almeno un’ora, coperto. Quando la carne è quasi cotta (calcolate di aver una ventina di minuti)  fate la salsa: fondete 50 g di burro in una casseruola, tostatevi due cucchiai colmi di farina, aggiungete un cucchiaio raso di bacche di ginepro e 3-4 foglie di alloro, mescolate bene e poi diluite con 600 ml di acqua. Tagliate i limoni ben lavati a fettine e aggiungetele alla salsa. Cuocete a fuoco bassisismo per una mezzora. Nel frattempo lasciate raffreddare un po’ la carne per poi tagliarla a fette. Quando la salsa è pronta, unitevi il sugo di cottura della carne e  immergetevi le fette: cuocete ancora 10-15 minuti e servite ben caldo.

N.B. Non schiacciate le bacche di ginepro perché possono rilasciare un sapore sgradevole!

Annunci

14 thoughts on “Natale, prove generali

  1. Sai cosa ti dico? Questa me la “sbafo” per Santa Lucia..e rientra sempre nelle prove per Natale, giusto ?
    Sono d’accordo con te con questo nauseante anticipo natalizio…ma tu dici ora, ma dalle nostre parti è da fine ottobre che ci sono fuori addobbi e regali, etcc.. etcc… che nausea.
    Io ogni anno devo fare la battaglia per il taglio del primo panettone (che a casa mia è sempre stato per Santa Lucia e poi più niente fino a Natale e voglio che questa tradizione venga rispettata), mentre l’albero si è sempre preparato per l’8 Dicembre.
    E così pure per l’accensione delle luci (anche se io ritardo sempre un poco!).
    Come si dice…il troppo storpia!
    Bellissima ricetta e bravissima, come sempre (io ogni tanto penso ancora alla spettacolare faticaccia per il compleanno della tua maggiorenne!!!).
    Buon tutto e doppio SMIIIIILE
    Lucy

  2. Mamma mia hai ragione ora già a metà novembre è Natale… vabbè io come da tradizione comincio il giorno dell’Immacolata 🙂 Brasato davvero profumato e goloso con una bella polenta morbida! baci

  3. E’ verissimo, da qualche anno, ormai, inziano ad addobbare le vetrine dei negozi e supermercati a novembre. Anche a me viene la stuffia… stamattina ho fatto 15 minuti di coda perchè un cestello del comune intasava la strada (in centro) per mettere le luci… (ma che bip… non possono farlo in un altro momento? la mattina di un giorno lavorativo?) la mia vicina di casa ha già appeso quegli osceni babbi natali alla finestra 20 giorni fa..
    ok.. detto questo io da sempre l’albero e gli addobbi li metto l’8 dicembre e smonto il 6 gennaio. mai prima, mai dopo.
    ri-detto questo: penso sia un’ottima abitudine fare le prove del menù, io sono una debosciata. Non provo, non assaggio e, se possibile preparo ricette nuove e i parenti fungono da cavie. ;.) 🙂
    gnam il tuo brasato… ti va una bottiglia di buon barolo (mi pare sia di una decina d’anni) imbottigliato da noi?

  4. oramai anche qui siamo in piena frenesia prentalizia, domani sera ci sarà la notte bianca nel mio quartiere e ti dirò che proprio per questo resterò a casa 🙂
    ottimo invece il tuo brasato al ginepro, di sicuro successo
    anche io sto provando qualche piatto , a me tocca il pranzo di natale 🙂
    buon we

  5. quest’anno ho deciso di festeggiarlo. e l’atmosfera voglio godermela, fosse la prima volta da quando ero bambina, ho comprato un alberello piccolino ma quello che ho deciso di fare DAVVERO è mettermi ai fornelli e fare un menù tutto a base di madama bavareisa. Eppoitidirò. Dall’antipasto al dolce. Tutto.

  6. Piú anticipano i richiami al Natale e piú fingo che non esista o per lo meno non mi riguardi. Piú aumentano gli stimoli all’acquisto selvatico e piú io riduco il numero dei regali. Quest’anno partiamo il 23 e torniamo il 2 se non qualche giorno dopo. Tié

    HO CUCINATO QUESTO BRASATO: FAN.TA.STI.CO. grazie madama!!!

    tournante

  7. il brasato… ma com’è buono! bella questa versione con il ginepro.
    anche noi per ora niente albero, ma devo opporre una strenua resistenza con la prole. per fortuna che l’otto è vicino!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...