Senza categoria

Si vede che è periodo di copioni, oltre che di cardi

Mentre verificavo un paio di link dietro le quinte per capire se la mosca tzetze mi aveva riagganciata scopro che un sacco di gente sta cercando come si pulisce il cardo, e come si toglie l’amaro

Certo sarebbe carino che chi lo spiega ai suoi amici coquinari  dopo averlo letto qui, visto che riporta la mia spiegazione senza nemmeno parafrasarla troppo, e anche i dettagli (lunghezza dei pezzi, dettagli della pulizia, proporzioni acqua/latte, tempi di cottura) …sarebbe carino, dicevo, che citasse la fonte,  ma si sa...    La classe non è acqua …e nemmeno acqua e latte, bastasse il latte a togliere l’amaro di tanta disonestà… Ah!E non sono la madre di questo Nico, visto che dice che il procedimento è di sua madre… credetemi! 😀

Il sito è Coquinaria, la discussione aperta nel dì della Befana è ” Mi viene chiesto come levare l’amaro dei cardi “, ho tolto il link perché giustamente mi ha fatto notare un’amica non se lo meritano^^

Siccome è un sito di “signori” anche questo, sicuramente la cosa era una disattenzione, veeeeeero ?  mi son permessa di loggarmi con un mio vecchio nick, di quando avevo avuto una breve (e deludente) esperienza lì, e ho chiesto che venisse, appunto, citata la fonte delle informazioni…

Beh, il mio messaggio è stato cancellato, … allora ho scritto per ringraziare, aggiungendo che ne avrei parlato qui, e hanno avuto il “bèc” (espressione piemontese per indicare la “faccia da ….” 😀 ) di ripristinare al volo il mio primo messaggio e poi chiedermi candidamente: quale messaggio avrei cancellato, scusa?”…. Ovviamente, come ho fatto notare all’illustrissima, eminentissima, magnificentissima capa, se c’è una cosa che detesto è l’essere presa per cretina… Stan modificando messaggi e link assortiti con spiegazioni di bassa informatica (anche qui mi piglian per cretina, va beh) per metterci na pezza… ma sappiate che tutto ciò è comportamento normale, lì… ma  a cadere sui cardi ci si può pure pungere…! 🙂

Io dico sempre che tirarsela da padroni del castello quando i comportamenti sono spudoratezze da portinaie,  va beh..  lasciamo perdere e parliamo di cibo!

E torniamo ai cardi!  (Nico, leggi anche questa, va, era sul mio libro, ma copiare dalla rete è più facile: è buona!  Passala alla tua mamma, che già sa pulire i cardi come me) 😀

Terrina di cardi al fumo

Per 4
persone:
4 grosse patate
150 g di speck
200 g di scamorza affumicata
250 g di cardi già lessati
Un uovo e un tuorlo (o due uova piccole)
Sale
Pepe
Parmigiano grattugiato


Lessate le patate e riducetele in purè ancora calde. Unitevi le uova, due cucchiai colmi di
parmigiano grattugiato, sale e pepe. Foderate uno stampo rettangolare lungo circa 20 cm con le
fette di speck disposte in verticale e leggermente sovrapposte l’una all’altra. Fate un primo strato
con il composto di patate, disponetevi sopra il cardo tagliato a tocchi di 5-6 cm, e fette di scamorza
affumicata, ricoprite con altro purè e continuate con gli strati, richiudendo alla fine le fette di speck.
Cuocete in forno a 200 ºC per mezz’ora circa.

Annunci

30 thoughts on “Si vede che è periodo di copioni, oltre che di cardi

    1. Grazie G. Sì, Quando avevo studiato l’impostazione delle ricette insieme al Sindaco di Andezeno, la regola che ci eravamo prefissate era questa: prodotti tipici del luogo (ovvio, il libro sarebbe stato il loro biglieto da visita) e soprattutto alla portata di tutti, sia come ingredienti sia come esecuzione ^^

  1. Non so, Gio, ma so per certo che se qualcuno copia da loro apriti cielo… guai a toccare il Gotha… poi ora inizieranno a scrivere le battutine, per mandare il topic in vacca (crercando di insultare e ridicolizzare chi tanto osò! ossia moi!^^) e poi di colpo una schiera di cortigiane inizierà a commentare vecchi topics per tirarli su o ad aprirne altri più o meno utili per mandare rapidamente la “vergogna” in seconda pagina… è un copione collaudato, ormai…
    (puntuali, eh? ahahah)

  2. Omamma, quelli che se la tirano tanto!
    Sìsì, sono come quelle signore che si riempiono di profumo ma poi al primo campanello che suona scopano la m. sotto il tappeto…
    Senti ma quando mi inviti a mangiare questo sformato?

    1. già, alla fine hanno motivato la mia reazione con qualche mia probabile esperienza negativa… 😀 chissà se la coscienza dell’illustrissima ha qualche guizzo improvviso sapendo che l’esperienza più negativa in assoluto in rete è proprio quella che feci da loro (con lei che mi augurava pure guai di salute, salutandomi, ben sapendo che ero appena uscita da 10 giorni di morfina…) ? ^^

  3. copione trito e ritrito ad uso dei forum di cucina più o meno famosi….lascia perdere che ti fai il sangue amaro, non ne vale la pena…bellissima ricetta anche se conosco poco i cardi immagino che sia molto saporita, un bacione !

    1. ma non mi faccio il sangue amaro, davvero, si vede che devo iniziare l’anno togliendomi da intorno un po’ di pattume! ^^

      Se ti piacciono i carciofi, probabilmente ti piacciono anche i cardi! 😉

  4. questa è una goduria. ma come sono buoni i cardi, dico io?

    p.s. mi ero dimenticata la tua strategia per la cottura dei cardi. addoterolla dalla prossima volta, io ci mettevo la farina….

    1. la farina aiuta a non farli scurire (ma se li metti prima in acqua e limone non serve più). Diversa invece la questione dell’amaro, che si attenua con il latte.
      Se vengono usati per un piatto (tipo sformato o flan) dove cuociono direttamente in qualche latticino (panna, formaggi cremosi), in teoria (Nicooo: stai attento e studia! ^^) si può anche omettere questa bollitura perché a quel punto l’amaro verrà attenuato non del tutto ma di molto durante la cottura 😉

  5. Io ormai resto sempre e puntualmente senza parole…
    Prenderò da te lezioni di pulitura e cottura cardi visto che li temo…

    Un abbraccio Norma cara 🙂

    1. Ciao Anna e benvenuta,e..grazie!
      Sto ricevendo anche diverse mail interessanti, di sostegno ma anche di quelle che mi confermano di aver visto giusto… mah!
      Fomse sènte!^^

  6. Norma, grazie cara della segnalazione del sito copione!!!!!! Vedo cosa riesco a fare, che come dici tu, sono duri di orecchie!!!!!! Grazie della ricetta, i cardi, li cucino poco, baci!!!!!!

  7. Noo bellissima ricetta! Non conoscevo il tuo blog e le tue ricette… Il mondo è vasto.. Non frequento molto i forum ma casualmente ho pubblicato sul mio blog pochi gg fa una ricetta sui cardi e così mi è saltata agli occhi la discussione su coqui e il resto . Non tutto il male viene per nuocere: ora hai una nuova fan e forse non sarà l’unica . 🙂

  8. Da noi si chiaman gobbi, e sono una cosa del natale nel paese-che-è-casa. E sulla questione principale, come dice sempre mamma ‘povna, una parola è poca e due son troppe.

    1. ‘povna sai mi sarei fermata anche solo alla prima parola (ossia il mio messaggio da loro, senza pubblicare nulla qui), ma solo se avessero reagito come si confà ad un minimo di savoir-faire e cioè: “oh! scusa mi ero dimenticato di copincollare il link, provvedo subito”. Bastava così poco!
      (qui manco due son troppe… con certa gente in realtà non c’è parola che basti)

  9. Mannaggia! bruttissima esperienza anch’io, da loro, brutto clima, e guai a contraddire la casta! Sembra quando tiri il tocco di pane nel pollaio, tutte che arrivano lì insieme a beccare! (e me lo avevi detto, ma io dura!pensando di imparare qualcosa…seeeee)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...