Mangé · Merenda sinòira · Tradission · Vegetariano

J’ultim ciapin-abò della stagione…

Con uno sguardo all’inverno che è appena terminato (da calendario, ma son sicura che quaclhe giornata freddina è ancora in agguato!) ho preparato ancora un piatto con ingredienti, appunto, invernali, e a parte il cavolo nero che qui in Piemonte è relativamente poco diffuso, gli ingredienti del piatto sono proprio tipici nostri: topinambur di Carignano. tartufo nero d’Alba, Robiola di Roccaverano.

La preparazione è di una semplicità estrema, l’effetto è garantito!

Millefoglie di cavolo nero e topinambur con robiola e tartufo

Anche questa fa parte delle ricette occhiometriche… per cui ve la racconto direttamente  dopo una rapida elencazione degli ingredienti:

cavolo nero

topinambur

robiola di Roccaverano

tartufo nero

burro

pepe nero

sale

Sbollentate per dieci minuti il cavolo nero in acqua salata e privatelo delle nervature più spesse, riducetelo a pezzi grossi circa come un palmo di mano.

Pulite i topinambur, affettateli allo spessore di mezzo cm circa e stufateli con una noce di burro e qualche cucchiaio di acqua. Una volta cotti schiacciateli rapidamente con una forchetta, riducendoli in un puré grossolano.

Tritate grossolanamente, a mano o con l’auto di un mixer, qualche fetta di robiola e mescolatela con un pizzico di tartufo grattugiato. Unitela ai topinambur

Montate delle millefoglie monoporzione su una teglia da forno, alternando foglie di cavolo, topinambur e robiola al tartufo. Infornate per una decina di minuti a 200°C e servite cospargendo ancora del tartufo nero in quantità a piacere, e con del composto di topinambur e robiola ancora tiepido.

 

La masca vi consiglia anche:

risotto con i topinambur

crema delicata ai topinambur

uova in cocotte al tartufo

 

 

Annunci

17 thoughts on “J’ultim ciapin-abò della stagione…

  1. W i TOPI…NAMBUR!!!! li adoro !!
    Doppio slurp…BELLISSIMA IDEA !!!
    La trasferta lacustre ti ha fatto bene, eh? (anche se a dire il vero credo che tu non ne avessi bisogno ).
    Buona giornata
    Lucy

  2. Alcune delle verdure che mi piacciono di più: cavolo nero (che dalle mie parti è tipico), topinambur, tartufo. Ce ne è per un addio all’inverno in piena regola!

  3. Che ricetta sfiziosa, a me che abito nel profondo sud non so se verrà semplice trovare gli ingredienti… ma intanto guardo la foto!!!
    Grazie per essere passata dal mio blog, sono stata per tanto tempo assente, sto cercando di riprendere il ritmo! Un abbraccio!!!

  4. ecco una di quelle ricette che adoro… vegetariana e gustosissima, con le giunte di robiola e tartufo ad impreziosire. Da pochi anni il cavolo nero si trova anche nei nostri negozi, anche se non è ancora molto diffuso. Magari l’anno prossimo vedrò di coltivarmelo da sola nel piccolo orto che, poco a poco, sta prendendo forma…
    Un abbraccio e a presto

  5. o che meraviglia norma, proprio un piatto chic, e proprio un piatto piemontese. non tanto o non solo per gli ingredienti, ma per quell’aria elegante e un po’ understatement che solo voi avete….

  6. Che bontà qusesta ricetta tutto Piemonte!
    Pensa che io mi vergongno sempre andare a comprare i …ciapin-abò perchè non mi oso dire al verduriere nè ciapinabò nè tantomeno..topinambour!.-)

  7. Noi quassù li chiamiamo topinabò e quest’anno non ne ho mangiato nemmeno mezzo 😦
    Bella bella questa ricetta, venta che la buta da part per l’an che ven… Ciao 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...